Punti neri

Tutto quello che devi sapere sui comedoni

Home

Ragazza che schiaccia punti neriDalla pubertà in poi, ogni volta che ti soffermi davanti allo specchio a scrutarti il volto, noti qualcuna di queste simpatiche capocchie nere (i punti neri)… e l’istinto di schiacciare è irrefrenabile!

Dopo aver ridotto il viso ad un campo di battaglia, con tanto di spargimento di sangue qui e lì, convinta di aver terminato l’opera, il giorno successivo ripassi davanti allo specchio e, la storia si ripete!

Tra i segni del precedente combattimento, inspiegabilmente sono spuntati altri punti neri!

Perché si formano i punti neri?

Perché stai combattendo una guerra contro 5 milioni di possibili nemici!

5 milioni e più sono infatti i follicoli che si trovano sulla nostra pelle e, in ognuno di essi potenzialmente si può formare un punto nero.

Vediamo nel dettaglio cosa sono i punti neri.

Cos’è il follicolo?

Innanzitutto è bene capire cos’è un follicolo.

I follicoli sono delle minuscole cavità che si trovano sulla nostra pelle. Sono presenti, in maniera più o meno visibile, all’incirca su tutta la superficie del nostro corpo, con eccezione delle cosiddette zone glabre (palmi delle mani e dei piedi, labbra, alcune parti dei genitali e l’ultima falange delle dita).

I follicoli all’interno sono costituiti da una parte più profonda, a forma di sacco, che contiene il complesso pilosebaceo, cioè il pelo e minuscole ghiandole che producono sebo. Ogni pelo ha poi un piccolo muscolo, chiamato appunto muscolo erettore del pelo, quello che in caso di freddo o di paura ci fa drizzare i peli.

La parte meno profonda del follicolo è il condotto che permette la fuoriuscita del pelo e del sebo. Questa parte è più sottile ed è rivestita da cellule dell’epidermide. Alla fine del condotto c’è l’ostio follicolare, ossia il buchino da cui esce il pelo.

Follicolo pilifero

Cosa sono i punti neri?

I punti neri, o comedoni, sono impurità della pelle di colore giallastro o nerastro che si formano in corrispondenza dei follicoli piliferi. Si possono generare in tutto il corpo (ad eccezione delle zone glabre, dove mancano i follicoli) ma prevalentemente sul viso, soprattutto sul naso, fronte e mento, sulla schiena o sulle spalle, oppure nelle orecchie.

Inizialmente si formano come comedoni chiusi, o punti bianchi, che sono causati da un’occlusione dell’ostio follicolare, all’interno del quale si accumulano cellule morte, grassi prodotti della ghiandola sebacea, cheratina e peli. In questo caso possono non essere visibili o riconoscersi come una rilevatezza (grani di miglio).

Successivamente diventano comedoni aperti e la parte superficiale esposta, a causa dell’ossidazione, assume il classico colore marrone-nero.

Cosa sono i punti neriSe il materiale dentro il follicolo viene infettato da batteri si forma il pus e il comedone evolve a brufolo.

I punti neri non hanno età (o quasi)

Se la pelle dei bambini è praticamente immune alla formazione di punti neri, dalla pubertà in poi i simpatici comedoni ci accompagneranno per tutta la nostra vita!

Infatti nonostante i punti neri amino molto spuntare sul viso degli adolescenti, i comedoni possono comparire anche in adulti e anziani! Anzi, proprio sulla schiena di questi ultimi si possono trovare i cosiddetti comedoni giganti, frutto di anni e anni di accumulo di sebo, che possono raggiungere dimensioni di alcuni millimetri e che sono delle vere e proprie star su youtube!

Cause della formazione dei punti neri

I punti neri si formano per l’accumulo di cellule morte e di secreti della ghiandola follicolare, quindi la loro formazione è favorita da:

  • ostruzione dell’ostio follicolare;
  • eccessiva proliferazione delle cellule dell’epidermide (le cellule che compongono lo strato superficiale della pelle e le pareti del follicolo);
  • alterazioni della composizione chimica del sebo, il prodotto della piccola ghiandola che si trova all’interno del follicolo.

Queste possono essere causate da fattori endogeni (interni) come l’aumento degli androgeni o altri sbalzi ormonali, oppure da fattori esogeni (esterni) che provocano ostruzione dei pori o infiammazione locale della cute.

Cause formazione punti neriGli sbalzi ormonali possono essere fisiologici, specie nel periodo della pubertà, ma possono essere favoriti da stress, da una cattiva dieta o dall’uso di alcuni farmaci, come il cortisone.

Tra i fattori esterni che possono giocare un ruolo, ci sono il caldo, l’umidità e i raggi UV. Infatti sebbene un po’ di tintarella possa apparentemente far sembrare la pelle più uniforme e rendere meno visibili i punti neri, i raggi UV e in particolare le scottature solari, producono infiammazione cutanea che favorisce l’ostruzione dei pori della pelle.

L’inquinamento, come è noto, è un nemico della nostra pelle e alcune polveri sottili che si depositano sulla nostra cute possono causare l’ostruzione dei pori, perciò provocare la formazione dei punti neri.

A volte è un po’ colpa nostra…

Abbiamo parlato prima di infiammazione… L’infiammazione può essere causata anche da sfregamento (per esempio di vestiti, gioielli, borse e zaini), soprattutto sulla pelle sudata, oppure dall’abitudine di toccarsi ripetutamente alcune parti del volto. Anche schiacciarsi i punti neri in modo non corretto può favorire la comparsa di altri punti neri in aree adiacenti.

Alcuni prodotti cosmetici possono favorire la produzione di sebo in eccesso, altri possono ostruire i pori. È importante scegliere il prodotto giusto per il nostro make up, ma anche per pulire la nostra pelle e per idratarla. Persino alcuni prodotti per capelli, se vengono a contatto con la pelle, possono favorire la comparsa di brufoli e punti neri.

Buona norma è poi scegliere bene i nostri vestiti, soprattutto l’intimo a contatto con la pelle, oppure l’abbigliamento che usiamo durante l’attività sportiva. Scegliere un capo traspirante e che non irriti la pelle è la prima regola per evitare brufoli e punti neri su spalle e schiena!

Infine occhio alle irritazioni! A quante (ma anche a quanti) di voi dopo la depilazione si formano fastidiosi brufoletti o peletti incarniti? Sappiate che scegliere il metodo di depilazione più idoneo può, almeno in parte, risolvere il vostro problema!

Cosa fare per evitare i punti neri?

Con i punti neri e con gli inestetismi della pelle, bisogna seguire il consiglio del saggio:

Quando una zanzara ti si posa sui testicoli, capisci che non tutti i problemi si risolvono con la violenza

In questo caso le zanzare sono i nostri punti neri e anche se può risultare appagante e divertente schiacciare i punti neri, per ottenere dei risultati estetici migliori, la guerra contro i comedoni non va combattuta con la violenza.

Su Comedoni.it ti verranno spiegate le migliori armi che hai a disposizione per rimuovere i punti neri e ridurre al minimo la loro comparsa in maniera scientifica.